La digitalizzazione in atto in ogni settore lavorativo porterà chi la ignora alla disfatta nel giro di pochi anni.

Il mondo sta cambiando velocemente.
   Siamo alle porte di quella che viene definita la QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE, che ancora non è entrata nel suo pieno fervore, ma di cui già possiamo vedere i primi effetti.

La digitalizzazione ci sta portando ad un cambiamento epocale: le aziende devono essere più dinamiche, come si usa dire oggi “liquide”, in modo da adattarsi il più velocemente possibile al mercato, devono avere strutture snelle ed un occhio sempre vigile per captare opportunità e pericoli del business globalizzato.
Ma soprattutto, devono essere in grado di mantenere SEMPRE un altissimo grado di aggiornamento tecnologico, perché la digitalizzazione galoppa veloce, l’IOT sta prendendo velocemente piede, la realtà aumentata è oramai entrata a gamba tesa in quasi tutti i settori, l’intelligenza artificiale comincia a prendere piede nella nostra vita quotidiana, e mese dopo mese la mole di dati da elaborare diventa sempre più elevata.
Questo significa che non è più possibile lavorare come nei primi anni 2000, quando potevi permetterti di cambiare il tuo “parco computer” ogni 7/10 anni, tirandoli al massimo della loro vita tecnica (e a volte anche oltre…).

Oggi devi essere in grado di adeguare velocemente i tuoi dispositivi, in modo da avere sempre a disposizione la giusta potenza di calcolo.

Hai presente la legge di Moore, quella secondo cui ogni 18 mesi escono versioni più performanti e complesse dei chip/circuiti elettronici? 

Ebbene, anche questa legge pare essere sul viale del tramonto, perché la tecnologia sta andando talmente veloce, con l’introduzione di nuovi sistemi, nuovi ambienti digitali (come il cloud), nuove architetture, che non è nemmeno più possibile semplificare sostenendo che la complessità aumenti “solo” ogni due anni.

E no, non pensare che non ti riguardi: qualsiasi sia il tuo lavoro NON PUOI ignorare questa rivoluzione.
Il tuo settore NON è differente dagli altri: tutti, qualsiasi sia il nostro lavoro, se non saremo in grado di adattarci capitoleremo sotto i “colpi” di questa rivoluzione, tutti dovremo fare i conti con la necessità di elaborare un quantitativo sempre maggiore di dati, e tutti avremo bisogno di essere sempre “sul pezzo”, tecnologicamente parlando.

Prova a pensare, per fare un esempio, ai servizi di manutenzione agli impianti: sempre più frequentemente, i tecnici sul campo utilizzano strumenti di realtà aumentata per comunicare direttamente con una sala operativa, e software di raccolta ed elaborazione dati istantanea da trasmettere ai sistemi remoti dell’azienda.

Certo, esistono ancora delle aziende che mandano i loro manutentori dotandoli semplicemente di un tablet (spesso e volentieri commerciale, scassato e con la custodia in gomma contro gli urti) o peggio ancora li manda in giro con i CARTACEI (roba da Giurassico…), che poi verranno riversati nel gestionale una volta rientrati in ufficio, con enorme spreco di risorse e di tempo. Davvero… metodi da Giurassico… come anche la fine che le aspetta.

Queste aziende hanno il destino segnato: spariranno. Sono al canto del cigno. E se non decideranno di cambiare, adeguarsi, evolversi… semplicemente chiuderanno. 

Chiuderanno perché il mondo intorno a loro sarà andato avanti, e ad un certo punto non riusciranno più a recuperare il tempo perso.

Questo “quadretto” lo puoi applicare praticamente a tutti i settori: edilizia, logistica, servizi, manutenzione, sicurezza… TUTTI I SETTORI.

E se pensi di esserne escluso, scusa la franchezza, hai già un piede nella fossa.

Cosa devi fare allora? DEVI aggiornare continuamente a tua dotazione tecnologica: software sempre aggiornati (in un prossimo articolo parlerò dei pericoli che arrivano dagli attacchi hacker e perché tutti siamo a rischio), hardware nuovo e performante, attrezzature adatte al tipo di lavoro che fai.
Per aggiornare la tua dotazione tecnologica hai due strade: l’acquisto oppure una formula “smart” di investimento che si chiama “noleggio operativo”, detta anche locazione operativa, che è, per farti un esempio di uso comune, l’equivalente del noleggio a lungo termine che si usa per le automobili.

Dei vantaggi del noleggio rispetto all’acquisto parleremo in un altro articolo: nel frattempo ti invito a riflettere su quanto hai letto, e a non perdere più tempo.
Contattaci subito e valutiamo insieme qual è la tua necessità: la consulenza è gratuita e non prendi nessun tipo di impegno.

trucchi e strategie per lavorare dando il massimo anche in ambienti estremi
Da non perdere!
Ho letto l'informativa sulla Privacy e do il consenso al trattamento dei miei dati ai sensi del GDPR
[ Max 1 mail al mese - no spam ;) ]
Overlay Image
Sky Rocket Your Agency Income
Get Our Free Guide to
error: Copyright Extrematech - Non sei autorizzato a copiare i contenuti del sito